Domenica, 14 Agosto 2022

    Cala il consumo di carne. Andriani (Federmacellai) lancia l’allarme In evidenza

    “Preoccupante il dato relativo al calo di consumo di carne rilevato in tutto il Paese e attestatosi su una media del 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”. Egidio Andriani, Federmacellai Casaimpresa Taranto lancia l’allarme, peraltro già ampiamente avvertito e manifestato sul territorio.


    “Se è vero che la stagione calda non è il periodo migliore per consumare carne – prosegue Andriani - è altrettanto vero che questo particolare momento è l’espressione di una serie di problematiche e timori che appunto generano una importante ed eccezionale contrazione dei consumi. Aumento dei prezzi, poco potere d’acquisto e ridotta propensione a spendere anche per prodotti alimentari. La conseguenza è che si acquistano quantità ridotte soprattutto di carne e pesce”.
    “E’ evidente che andrebbero fatti interventi ad hoc al fine di dare una spinta ai consumi. Certamente positivo sarebbe un€ abbattimento dell’Iva e insieme un significativo taglio del cuneo fiscale, in modo da dare ai consumatori una maggiore possibilità di movimento, e di conseguenza respiro a tutto il commercio".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati