Domenica, 29 Gennaio 2023

    Incontro ex Ilva, Emiliano: “Lo Stato aumenti quota azionaria. Arcelor-Mittal inaffidabile. Spero revochi decisione su indotto” In evidenza

    “Al Ministro Urso ho fatto presente che un’azienda, che ha tutta la legittimità di perseguire il proprio interesse, ma che ha come partner il Governo italiano, non può comportarsi come si è comportata Arcelor Mittal. Non si può battere cassa con il proprio socio facendo del male a persone che non hanno alcuna responsabilità in questa storia, le aziende dell’indotto e tutti i lavoratori che in quelle aziende lavorano. Con soggetti che si comportano in questa maniera, proseguire il cammino non è facile”.


    Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano al termine della riunione plenaria nella sede del ministero per le Imprese e il Made in Italy a Roma, presieduta dal ministro Adolfo Urso, sulla questione Acciaierie d’Italia ex Ilva.
    “Ho suggerito al Ministro -ha dichiarato Emiliano- di condizionare l’eventuale versamento del miliardo di euro che il Governo Draghi aveva messo a disposizione di questa vicenda, ad un contributo in conto capitale, aumentando la quota azionaria in capo al Governo italiano e alle società che il Governo controlla.
    Questo per evitare che in futuro la città di Taranto, nella sua componente industriale e sociale, sia sottoposta a pressione. Non adopero la parola ricatto perché è troppo forte, però a volte tra pressione e ricatto il confine è labile”.
    “La seconda questione che abbiamo specificato - ha continuato Emiliano - è che Taranto sta facendo da decenni un sacrificio in termini di salute gravissimo, in violazione della Costituzione, pagando con le vite dei propri cittadini per la gestione di questa fabbrica, ritenuta strategica dallo Stato. La Corte d’Assise di Taranto non ha dissequestrato questa fabbrica perché non ha ancora la prova che la fabbrica non porti ad ulteriori conseguenze il reato già commesso e sottoposto a sanzione dalla sentenza della stessa Corte.
    Quindi questo processo di rispetto delle regole tecnologiche va controllato e agevolato, e rafforzato, attraverso un cambio tecnologico che il Governo Draghi ha favorito assieme al Pnrr. È già attiva la società del DRI che deve costruire un impianto che ha emissioni nocive molto più basse di quello attuale. E questo impianto deve essere realizzato in fretta e nell’area della fabbrica. L’impressione che ho avuto è che Mittal non voglia il cambio tecnologico, anche perché sta costruendo un impianto analogo in Normandia, e quindi probabilmente non vuole un concorrente sull’acciaio Green.
    Non solo il livello produttivo è basso, continua a inquinare; attraverso la non disponibilità a concedere l’area, ostacola anche l’insediamento del nuovo impianto di produzione decarbonizzato: l’insieme delle cose fa di Mittal il partner più inaffidabile che si possa immaginare per lo Stato italiano.
    Mi auguro che il Governo ne prenda atto e attraverso l’aumento di capitale ne riduca il ruolo. Spero - ha concluso Emiliano- che Mittal revochi immediatamente la sua decisione di non pagare e di rescindere i contratti con le aziende dell’indotto, perché altrimenti farà passare il peggior Natale a centinaia e centinaia di lavoratori che non hanno nessuna colpa”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati