Sabato, 03 Dicembre 2022

    Confindustria: «l’industria riparte dall’innovazione». È "made in Taranto" la migliore startup italiana

    L’industria riparte dall’innovazione: a Taranto una delle migliori startup italiane, Niteko, iscritta a Confindustria e che si occupa di tecnologia Led, è risultata infatti fra le 100 migliori nuove imprese nella classifica stilata da Riccardo Luna. Innovazione e rispetto dell’ambiente le parole chiave di questa giovane e brillante realtà imprenditoriale.

    Niteko è una delle migliori 100 start up italiane ed è made in Taranto. Fra le più giovani e brillanti realtà imprenditoriali di Confindustria Taranto, si occupa di tecnologia Led ed è stata fondata da tre ingegneri che, conclusi gli studi a Lecce, hanno trovato terreno fertile per realizzare la propria idea a Montemesola, grazie all’esperienza e alla lungimiranza di Finsea, la holding che raggruppa imprese come Serveco e Progeva. La classifica delle start up di eccellenza, stilata da Riccardo Luna, punto di riferimento nazionale per le politiche e le imprese innovative, ha tenuto conto “degli investimenti e delle poche exit del 2014; di quelle che avevano vinto una delle tantissime startup competition; del potenziale dell’idea per quelle appena partite”. 

    L’ingegno e la creatività, al servizio dell’innovazione tecnologica, si è rivelato così un mix vincente. La tecnologia Led (acronimo di Light Emitting Diode) permette di sviluppare luce “fredda” e tecnologicamente avanzata: si inquina di meno e si può controllare in maniera più semplice. Chi l’ha inventata ha ricevuto quest’anno il premio Nobel per la fisica.
    I tre ingegneri di Niteko hanno avuto l’idea di applicarla all’illuminazione stradale e industriale, arrivando in poco tempo a vendere i loro prodotti in tutto il mondo, dall’America Latina al Medio Oriente, passando per l’Europa e la Russia. Un’idea nata in Puglia e sviluppata a Taranto, un progetto di successo che è entrato di diritto nella top 100 delle start up italiane, dimostrando come sia possibile pensare ad uno sviluppo economico del nostro territorio basato sui principi di innovatività e sostenibilità, fattori che ne hanno determinato, anche, il successo.
    «Essere inseriti nell’elenco delle 100 migliori start up italiane è per noi motivo di vanto” – dichiara Giuseppe Vendramin, direttore tecnico-scientifico di Niteko “ma anche uno stimolo a fare meglio, perché con il nostro lavoro vogliamo riuscire a migliorare la qualità della vita delle persone e la strada da fare è ancora lunga. La nostra impresa è una delle sei nate e sviluppate in Puglia, l'unica in provincia di Taranto e questo per noi vuol dire una grandissima responsabilità».
    Per Confindustria, impegnata da anni nella ricerca e nell’affiancamento di start up innovative del territorio, c’è la soddisfazione di aver contribuito a far emergere un’eccellenza retta da giovani talenti in un mercato che sempre più punta all’innovazione sostenibile come valore aggiunto.
    «Quella di Niteko- ha aggiunto al proposito il Presidente Vincenzo Cesareo – è la dimostrazione di come si possa fare impresa partendo da un concetto di semplicità, innovazione e tutela dell’ambiente: una logica a misura d’uomo che è il leit motiv con cui tutte le nostre imprese dovranno confrontarsi per rimanere competitive e al passo con le nuove esigenze del mercato».

    Vota questo articolo
    (1 Vota)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati