Sabato, 03 Dicembre 2022

    Il caso Marò in Parlamento europeo, Mogherini: «a rischio il rapporto tra India e Ue»

    Il Parlamento europeo ha svolto nella giornata di ieri, mercoledì 14 gennaio, la sua discussione annuale sulle principali linee di politica estera, di sicurezza e di difesa dell'Unione europea con il Capo della politica estera dell'Unione europea Federica Mogherini. In serata è stata infatti discussa in plenaria la disputa diplomatica tra Italia e India riguardo i due marò italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani.

    «Con l'India condividiamo valori e interessi strategici e desideriamo collaborare sulla scena mondiale. Ma è bene che tutti abbiano piena consapevolezza di quanto e come la vertenza irrisolta sui due ufficiali di marina italiani possa avere un impatto sulle relazioni tra Ue e India, che mette a dura prova». L'Ansa riporta la dichiarazione di Federica Mogherini, intervenendo al dibattito alla plenaria di Strasburgo sulla risoluzione congiunta sulla vicenda dei marò. «Prendiamo atto con soddisfazione della decisione assunta dalla Corte suprema indiana che ha tenuto giustamente conto delle ragioni umanitarie e del grave stato di salute del militare Latorre -prosegue- ma contiamo sul fatto che questa decisione possa segnare l'inizio di un percorso per trovare finalmente una soluzione rapida, definitiva, equa e condivisa al caso di entrambi i militari italiani».  

    Sempre ieri mattina, la Corte Suprema Indiana ha concesso al fuciliere di marina Massimiliano Latorre un'estensione di tre mesi della sua permanenza in Italia, e proseguire la sua convalescenza dopo l'ictus che lo ha colpito in India a settembre. Sottopostosi ad un intervento chirurgico per un'anomalia cardiaca lo scorso 5 gennaio al Policlinico San Donato di Milano , è stato poi trasferito all'Istituto Neurologico Carlo Besta per accertamenti e solo ieri sera è stato dimesso.
    «Permane la necessità di un prosieguo delle terapie consigliate e un attento monitoraggio nelle prossime settimane dell'evoluzione della sua situazione clinica», si legge in una nota dell'Istituto.
    La compagna di Latorre, ha dichiarato all'Ansa, «questo periodo servirà a Massimiliano per proseguire il percorso di recupero dalla patologia che lo ha colpito. Il nostro auspicio è che in questi tre mesi la situazione si possa risolvere definitivamente». Poi ha aggiunto, «Massimiliano è stanco, sono state due settimane difficili: l'operazione, il ricovero, e poi i diversi esami, anche molto stancanti. Stare in ospedale non è mai piacevole».

    Intanto questa mattina, giovedì 15 gennaio, secondo quanto si apprende dall'Ansa, a larghissima maggioranza l'Aula di Strasburgo ha approvato per acclamazione, ad alzata di mano, una risoluzione sui marò in cui si chiede, tra i vari punti, il loro rimpatrio e un cambio di giurisdizione. Al voto è seguito un applauso dell'aula pressochè piena.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati