Sabato, 03 Dicembre 2022

    È l'associazione "Volontari 2 mari" il vero gruppo di Protezione Civile di Taranto

    È del 29 gennaio 2015 la determinazione del dirigente del servizio protezione civile, pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, contenenti variazioni e cancellazioni dall'Elenco Regionale delle Associazioni di Volontariato per la Protezione Civile. Tra queste risulta archiviata l'istanza presentata anche dal gruppo di volontari del Comune di Taranto.

    Viste le istanze di numerose Associazioni di Volontariato o Gruppi Comunali di Protezione Civile, inoltrate in tempi precedenti al fine di ottenere l’iscrizione all’elenco regionale, alcune di esse sono risultate sospese «in attesa che venissero colmate lacune documentali e/o risolte criticità varie». Tra le tante istanze pervenute, appare in elenco anche il Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Taranto che ha sede legale nel Palazzo del Municipio e che fa capo a Raffaele Russo. 

    «Rilevato che a conclusione della fase istruttoria – si legge sulla determina- le predette organizzazioni non hanno dato idonea dimostrazione del possesso di tutti i requisiti tecnico‐amministrativi previsti dalla normativa di riferimento», si è provveduto all’archiviazione della domanda d'iscrizione. Ne consegue che l'associazione in questione, non avrebbe, titoli, mezzi e competenze per svolgere le mansioni di controllo e tutela del territorio. Ciò nonostante, i volontari, continuano a svolgere regolarmente e “impropriamente” tali attività, senza che l'amministrazione comunale intervenga con adeguati provvedimenti, nonostante siano state fatte alcune segnalazioni. Il tutto per giunta, a scapito di associazioni invece regolarmente iscritte nei registri di Volontariato della Regione Puglia. Ne è un esempio l'associazione “Volontari 2 mari ” impegnata nel servizio Emergenza Radio (Ser) che fa capo al presidente Piero Secci e coordinata dal capitano dei Vigili Urbani Mimmo Tomai. L'associazione ufficialmente iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Volontariato al n. 730 e al n. 293 nel Registro della Protezione Civile, ha ad esempio seguito con esemplare impegno quest'estate gli sbarchi degli immigrati nell'ambito dell'operazione “Mare Nostrum”. Sono loro ad aver sacrificato giornate intere al servizio della comunità. Il loro lavoro è dunque apprezzato e riconosciuto in città, e poco importa ai volontari che ne fanno parte, che altri gruppi «si improvvisino associazione di Protezione Civile. - dicono- A noi importa solo offrire un aiuto concreto alla cittadinanza».

    Vota questo articolo
    (4 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati