Mercoledì, 06 Luglio 2022

    Sfiorata la tragedia nel siderurgico di Taranto. Uilm e Usb accusano Acciaierie d’Italia; l’azienda si difende In evidenza

    “Sfiorata la tragedia nella giornata di giovedì all’interno dello stabilimento siderurgico di Taranto. Esattamente nel reparto Acciaieria 2, sull’impianto Tas, durante le manovre di sostituzione snorkel, lo stesso è precipitato, rischiando di schiacciare la cabina del palista impegnato nella pulizia della zona”. Ad informare dell’accaduto con una nota congiunta Uilm e Usb.

    “Precisiamo -aggiungono le due sigle sindacali- che l’impianto in questione e la relativa attività sono già interessati da prescrizioni Asl, quindi chiediamo quali siano le modalità con cui si stava svolgendo il cambio snorkel. Dopo mesi durante i quali, come rappresentanti dei lavoratori, abbiamo riportato, inascoltati, tutto il malessere e la sfiducia nei confronti di Acciaierie d’Italia, e richiesto segnali che indicassero un cambio di direzione, mirati a migliorare un clima in fabbrica divenuto ormai pesantissimo, continuiamo ad avere di fronte un’ azienda sorda e disinteressata che, pur ammettendo disservizi e disfunzioni, continua a mostrare con gli atteggiamenti che si può andare tranquillamente avanti così. Una totale mancanza di interesse per un tema essenziale come la sicurezza sul luogo di lavoro, ha indotto più volte a segnalare e denunciare agli organi competenti gli episodi che in maniera sistematica si verificano. Torniamo dunque a sollecitare l'azienda affinché venga garantita la sicurezza in fabbrica e non si continui più a scaricare tutto il peso della crisi sulle spalle dei lavoratori.
    La cronica arroganza e l’esasperante lentezza delle relazioni industriali sono spesso causa del susseguirsi di episodi posti al limite delle norme di sicurezza, e tutto questo non è più sopportabile. Da aziende come Acciaierie d’Italia pretendiamo e ci aspettiamo investimenti sia dal punto di vista tecnologico che organizzativo, ed un organico adeguato alle reali esigenze, ma evidentemente per l’azienda ottimizzazione delle risorse significa risparmiare sui ricambi e operare tagli del personale, mantenendo anche gli stessi ritmi di lavoro e la stessa produzione”.

     

    Questa la replica di Acciaierie d’Italia

    "In relazione a quanto riportato da organi di informazione
    in data odierna, Acciaierie d’Italia precisa che gli eventi accaduti ai reparti del Treno Lamiere dell’ Acciaieria 2 non possono essere riferiti in alcun modo a carenza di attività manutentive, ma sono invece da addebitare esclusivamente a manovre operative non conformi alle norme aziendali vigenti. Acciaierie d’Italia precisa quindi che gli operatori coinvolti sono interessati da provvedimenti investigativi e disciplinari al fine di valutarne le responsabilità".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur3.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati