Lunedì, 23 Maggio 2022

    Chiusi i festeggiamenti in onore di San Cataldo In evidenza

    Foto studio R.Ingenito Foto studio R.Ingenito

    Si è tenuta come tradizione nella serata del 10 maggio la processione a terra in onore di San Cataldo, patrono di Taranto. Un momento molto sentito dalla comunità che ha rivissuto le emozioni del pellegrinaggio dopo due anni di sospensione per la pandemia.

    Taranto si è unita attorno al suo patrono nel segno della fede; in tanti hanno seguito i vari momenti della processione, uscita dalla Basilica Cattedrale accompagnata dalle numerose confraternite della città e dalle note delle bande. Al passaggio del simulacro del Santo Patrono dal Ponte Girevole a bordo del carro infiorato, omaggio dal mare degli acrobati della A.S. Taranto Flybord tra i giochi di colore dei fuochi d’artificio; al passaggio della statua dalla Rotonda del Lungomare, invece, esibizione degli sbandieratori e dei musici Città di Oria. Intorno alle 20.45 sosta del simulacro su via D’Aquino nei pressi della chiesa del Carmine, dal cui balcone c’è stato il saluto con benedizione finale dell’arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro. Poi il ritorno della processione in città vecchia per il rientro a San Cataldo. Poco prima di mezzanotte, l’immancabile spettacolo pirotecnico dal Castello Aragonese che ha chiuso i festeggiamenti.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur3.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati