Sabato, 03 Dicembre 2022

    FP CGIL: preoccupazione per lo stato di abbandono del carcere tarantino In evidenza

    Se il buongiorno si vede dal mattino non auspichiamo più nulla, abbiamo il timore che il penitenziario Tarantino sia una polveriera pronta ad esplodere, poco personale di Polizia Penitenziaria, manca progettualità per il recupero dell’utenza e si percepisce uno stato di malessere generale - continua Luca Lionetti Coordinatore Provinciale per la Polizia Penitenziaria FP CGIL Taranto.


    Poca attenzione ai diritti dei lavoratori è emersa nella struttura di Taranto, aggiungono - Gennaro Ricci Coordinatore Regionale per la Polizia Penitenziaria e Patrizia Tomaselli, Segretaria Regionale della Puglia. Urgono immediati interventi che tutelino concretamente il personale di Polizia Penitenziaria e delle Funzioni Centrali, temiamo che il sistema penitenziario di Taranto possa cadere in default – conclude Mirko Manna FP CGIL Nazionale – a breve effettueremo una visita su i luoghi di lavoro per constatare lo stato di degrado in cui versa il penitenziario Tarantino, poca attenzione alle norme contrattuali ed alla sicurezza del personale, minano la salute delle Lavoratrici e dei Lavoratori del comparto Sicurezza. Dopo la visita chiederemo un incontro con il Provveditore Regionale per comprendere quanto sia realmente compromessa la sicurezza in quella struttura.
    La FP CGIL non si fermerà nella sua azione di tutela del personale della Giustizia.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati