Lunedì, 23 Maggio 2022

    Sapio pronto a raccogliere l’eredità di Montervino. Il Taranto sta per aprire un nuovo ciclo

    Piergiuseppe Sapio si appresta a diventare il nuovo diesse del Taranto. Nonostante i depistaggi, Giove ha già deciso da qualche giorno di affidargli l’area tecnica rossoblù per aprire un nuovo ciclo; per l’ufficialità si attende la risoluzione del contratto di responsabile del settore giovanile (i due incarichi sono incompatibili) anche se Sapio manterrà la supervisione attraverso due fidati collaboratori: Paolo Alota e Vincenzo Di Manzo.

    Martedì 10 maggio potrebbe essere il giorno giusto per la presentazione dell’erede di Montervino. Con Giove c’è accordo su tutto, quello che sta per nascere sarà un Taranto diverso, una squadra dall’età media un po’ più bassa ma comunque ambiziosa per provare a conquistare un posto nei playoff. Una formazione aggressiva e forte dal punto di vista atletico, in grado di togliersi le giuste soddisfazioni in un campionato che si preannuncia come sempre competitivo. Della rosa dovrebbero far parte alcuni pilastri dell’annata appena conclusa, su tutti Saraniti e Giovinco, ma dovrebbero rimanere anche Marsili, Diaby, De Maria, Ferrara, Granata e Zullo. Ferrara ha richieste da un paio di club tra cui il Catanzaro e potrebbe anche essere sacrificato per fare cassa. Annunciate novità anche in panchina. Dopo un biennio intenso con obiettivi puntualmente centrati, Laterza sembra destinato a salutare nonostante un altro anno di contratto e i messaggi zuccherini della dirigenza. Nel mirino ci sarebbero tre allenatori: lo spagnolo Abascal (pare la prima scelta anche se legato agli svizzeri del Basilea), Guidi (ex Teramo) e Soncin (Venezia). Il Taranto guarda avanti, il futuro è già iniziato.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur3.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati